venerdì 31 dicembre 2010

Buon 2011

Auguri a tutti gli amici.
Che il 2011 sia ricco di soddisfazioni per tutti nessuno escluso.
Ci si legge al mio rientro per il 6 gennaio.
AUGURI A TUTTI

martedì 28 dicembre 2010

Montagna sci e......

Ritorno dalla montagna con le gambe a pezzi. 2 gg di sci... Rossana che ha provato a sciare tutta felice, Martina che dopo un momento di terrore in alto per via del vento, riesce a riprendere confidenza con le discese, il sottoscritto che perde ogni stimolo.... questa settimana che faccio? lavoro di sicuro e poi Rulli?..... nooooooo mi sa di no, Venerdi ripartiamo e fino al 6 siamo in montagna a sciare.... be mi farò un po di muscolatura.
Intanto, le ruote non sono ancora arrivate..... in compenso mi sono regalato una Nikon D5000, poi questa sera gli sci a Rossana, seguiranno scarponi....e casco, a Martina a Natale un macchina compatta fotografica sempre Nikon .... era felice, gli avevo detto di non dire a nessuno cosa voleva nemmeno a me di pensarlo e chiederlo a Babbo Natale..... e lui ha indovinato il regalo.... che forza questo Babbo Natale.... a Rossana invece un bel cellulare Samsung, e li Babbo Natale è stato un po maltrattato, quando l'ha visto ha detto bello, ma lasciami il vecchio che lo sò usare.....sigh sigh....
Bene, Benissimo, Bravo, Bravissimo...... Marco non ha stimoli..... io peggio, almeno lui anche senza quelli esce in bici..... vuoi vedere che al 13 febbraio piuttosto che fare 2 gg in Liguria li faccio in trentino a sciare?
Ecco la prima foto fatta con la nuova macchina.
Polsa ore 16.50 del 25 Dicembre

mercoledì 22 dicembre 2010

AUGURI A TUTTI

Per qualche giorno non potrò scrivere, per qualche giorno non potrò allenarmi, approfitto di questi 5 minuti per scrivere questo post.

Tanti auguri di Buon Natale a tutti gli amici che mi seguono.

giovedì 16 dicembre 2010

Uscita in Pausa Pranzo

Oggi avevo un buco di 2 ore, cosi, uscito dall'ufficio del cliente, arrivo a casa mi cambio e via. Dove vado? boh..... arrivo come al solito con il percorso meno battuto dalle auto, e intanto decido di farmi delle SFR, Maroc e Roby hanno cominciato.... e io chi sono? decido di partire leggero, quindi direzione Montorfano, faccio la prima di circa 5 minuti, poi scendo e risalgo, qui mi ricordo che il garmin ha il LAP, ma tra guanti e inizio salita perdo circa 20 secondi penso che la ripetuta sia durata circa 4 minuti. Arrivato in alto non so se scendere e rifarne un altra oppure no. Fortunatamente decido di scendere da dove sono salito la prima volta, e arrivato alla rotonda guardo l'orologio. Preferisco girare a dirigermi verso Ome, ritornerò da quella strada al massimo allungo verso Gussago, ma devo fare in modo di essere dal cliente per le 14. Che culo.... arrivo a Monticelli, giro verso Ome e mi metto a mulinare oltre le 100 pedalate ma essendo in leggera discesa la velocità da 28-29 passa a 40 ma dopo pochi secondi mi scappa il piede sinistro, imprecazione verso gli attacchi, ma..... mi accorgo che non sono gli attacchi che mi hanno fatto sganciare ik piede ma bensì la pedivella sinistra. staà fregando terra, mi fermo cerco di sganciare il pedale e alla fine ci riesco. non posso fare tardi riparto con una gamba sola e in mano la pedivella, avanti 200 mt il semaforo per lavori, mi fermo e cerco di infialre la pedivella nel perno, riesco e cosi ricomincio a pedalare senza però spingere con il sinistro. Che culo...potevo farmi male. Arriv a casa, doccia uno yogurt, un paio di fette biscottate integrali, mi prendo una banana un arancio e via al lavoro. Decido di caricare la bici, il clinete è vicino al sivende, porto la bici la deposito un po incazzeto e con la richiesta buttata li di cambiarmi la pedivella dato che l'errore non è stato il mio..... e via di nuovo in macchina. Arriverò con 20 minuti di ritardo... recuperati poi la sera.
Non è finita, arrivo a casa, mi cambio in fretta metto la tuta e parto con Martina che deve fare la camminata con il gruppo della GS Ronco. 1 ora a passo veloce con stretching finale.
Ottima giornata di Allenamento, ma che Culo.....
ecco il link al Garmin

mercoledì 15 dicembre 2010

Pesi e Rulli

Questa sera ho eseguito il mio circuito di pesi, ho alleggerito il carico per la parte superiore, ho alleggerito quello per i polpacci ed aumentato la velocità di esecuzione. Poi sono salito sui rulli e mi sono concentrato sulla potenza. Ho cercato di mantenere una potenza intorno ai 140 watt, circa 55% della mia soglia, e mantenendo anche il cuore sotto il medio e le rpm sopra i 100. Alla fine un buon lavoro, cuore ok cadenza ok un po meno la potenza che come media era sotto i 140.
Lunedi invece mi sono fatto solamente le serie per i quadricipiti.
Domani ho in programma un'uscita nell'ora di pranzo, vediamo se il tempo mi è d'aiuto.
Se riesco dopo inserisco l'immagine del resoconto della sessione di rulli.

lunedì 13 dicembre 2010

Ciclismo in lutto: morto Aldo Sassi


Il "professore" ha perso la lotta contro il male incurabile che lo aveva assalito qualche mese fa.
R.I.P
GRAZIE per quello che ci hai insegnato

domenica 12 dicembre 2010

Settimana 6-12 dicembre

Questa settimana è iniziata male e finita bene.
Lunedi per impegni di famiglia salto i pesi, Martedi sono dal cliente a Piacenza, dovrei andare in piscina, ma mi fa male una spalla e cosi evito. Mercoledi potevo uscire essendo festa, ma la sera prima io e Rossana abbiamo passato una serata diversa e siamo usciti, e cosi vedendo bagnato alla mattina ho rinunciato per stare al calduccio in casa in famiglia. Il pomeriggio mi sono fatto un po di pesi alle gambe e poi soliti 10 km in agilità. Ecco l'immagine del report.


Giovedi diventa per il momento appuntamento fisso con la squadra G3 di Martina. Ci spostiamo a Gussago dove per un ora facciamo "una sana camminanta" con i bambini alla fine conto 5 giri per 1 km ognuno. Arrivoa a casa, metto Martina in vasca e cosi mi saltano i rulli. Venerdi Replico con pesi alle gambe e 10 km di rulli. Ecco l'immagine del report. 


Migliorato ancora, sia con la potenza che con i battiti. Sabato mattina appuntamento con alcuni compagni per l'uscita. Giro in franciacorta con i soliti mangia e bevi, poi verso le basse, un uscita diversa. Sabato chiudo con 70 km. Questo il percorso Garmin.
Questa mattina uscita solita verso il lago baciati dal sole, ma a Tavernole decido di salire per Vigolo, una salitella di 3 km. Alla fine arriviamo a 95 km con circa 500 mt di dislivello. Vorrei arrivare a  fine dicembre con il  fondo e poi cominciare con la resistenza. Ecco il link all'uscita di questa Domenica

domenica 5 dicembre 2010

MTB in Maddalena

Questa mattina partenza alle 8.30, il gruppone doveva andare in Maddalena, per fare la foto di Natale, e cosi tutti assieme via verso la città. Entriamo nel centro da Corso Garibaldi, erano anni che non andavo, passare in posti dove 20 anni fa facevo le "vasche" come direbbe il Pucci.... "e' cambiato tutto!". sarebbe stato bello vedere i negozi, il viavai etc etc di 20 anni fa con la ristrutturazione ZTL di adesso. be non possiamo avere tutto no? Tutti assieme arriviamo ai piedi della Maddalena, saranno esattamente 10,5 km da fare. Parto tranquillo non voglio ne devo forzare troppo, dopo circa 4 km decido di abbassare draticamente il ritmo, da 140 battiti scendo a 120 e cosi proseguo, mi stacco dal gruppo dei primi, consapevole che non posso adare troppo in soglia, ma sopratutto che non posso permettermi di arrivare in vetta e attendere 20 minuti gli ultimi.... cosi decido di aspettare gli ultimi, metto il rampichino e via alzo la cadezna ma sono fermo. Solo in un tratto metto il 44 e mi alzo sui pedali, devo sgranchirmi la schiena. Arrivati il solito via vai foto di rito....( che per me non è uscita e non verrà utilizzata) e via verso casa. Io Forum e Doppio Zero prendiamo la strada , gli altri decidono per i sentieri. Freni tirati e corona media, in questo modo scendo a 20 km circa ma faccio girare le gambe. Arriviamo in fondo e ritorniamo a casa ad una vbuona velocità, ma solo per scaldarci un po. Alla fine circa 40 km. Ecco il file Garmin.

venerdì 3 dicembre 2010

Palestra

Questa sera seduta di pesi. Ho cominciato con la parte alta per finire con gli affondi. Successivamente ho eseguito i 5 km in agilità, e concluso con le due serie di addominali da 3x15 e lo stretching. Domani volevo fare il lungo ma fuori stà nevicando, vedremo domani mattina, al massimo esco il pomeriggio in MTB. Ho fatto tre screen stamp delle corse fatte con i rulli. Quella di questa sera e la stessa eseguita l'8 novembre, poi la corsa di 10 km fatta invece Mercoledi.
8 novembre

1 Dicembre

3 dicembre

Prima uscita notturna

questa sera ero deciso, la bilancia il mio primo obbiettivo, dopo mesi di sacrifici, sono state sufficienti una cena e un pranzo di cresima per buttare tutto...... cosi dopo il lavoro decido di prepararmi, crema riscaldante calze nuove sportful ( che non servono a na mazza) e via con la MTB. Il nuovo faro è funzionale, dietro un segnalatore preso all'Auchan e uno a led intermittente da sistemare sul cannotto reggisella. Alla fine 1h e 27 minuti circa, non ho scaricato il garmin, ma occhio e croce dovrei aver fatto circa 35 km. Domani Palestra e agilità sui rulli, aspetto Fine Mese a casa perchè vuole provare con i rulli. Intanto invece che un programma in Access ho optato per un foglio elettronico dove segno qualsiasi dato. con calma cercherò di preparare dei report statistici con i grafici.
A domani.....

mercoledì 1 dicembre 2010

Palestra e Rulli

Questa sera circuito di pesi, ma localizzato nella parte bassa aumentando il carico e finale sui rulli. Ho scelto una corsa da 10 km chiusi in meno di 30 minuti con un'ottima media di rpm e bpm. La potenza media sotto i 100 quindi agile agile molto agile.
Dati alla mano:
Km: 10
Tempo: 27' 38"
Watt medi: 71
Watt Max: 109
Velocità Media: 21,7
Cadenza Media: 107
Cadenza Max: 122
Bpm Medi: 119
Bpm Max: 122

martedì 30 novembre 2010

Resoconto Novembre

Mese di stop o quasi.... volevo iniziare prima invece le ultime due settimane non mi hanno permesso di fare uscite, freddo e pioggia mi hanno bloccato.
9 km con i rulli
141,68 km in BDC
65,25 km in MTB
 potrei anche aggiungere circa 2 km a nuoto, ma qui mettiamo il tempo che sono sicuro. 1h 40 minuti.

Fine Novembre

Ieri Circuito in Palestra ridotto, tornato a casa verso le 19, mi sono preso una mezzo'ora in quanto Martina era appena tornata dal pronto soccorso.... tanto per cambiare... frattura dell'ultima falange del mignolo della mano destra. Oggi ero a Piacenza da un cliente, e con la pausa pranzo di 2 ore sono riuscito a farmi 50 minuti di piscina. Domani è il 1 dicembre, non ci devono essere più scuse, si parte con il fondo.
Sabato ho provato un'asta ma non sono andato oltre i 760 $, alla fine chi l'ha vinta l'ha fatto a circa 930 $, cosi ieri sera ho ordinato la ruota Mavic con il Powertap da Tuttociclismo, il nostro sponsor; penso settimana prossima di averlo e cosi, imposterò tutto il lavoro sulla potenza, e anche con i rulli cercherò di lavorare con quella. Come dato utilizzerò quello del test dello scorso anno. Verso fine Dicembre magari provo a fare il test di soglia con i rulli,  dovrei riuscirci, magari mi faccio aiutare da Martina.

venerdì 26 novembre 2010

giornate storte

In questi due giorni non sono al 100%. Ieri pomeriggio ed oggi tutto il giorno sono stato anche a casa senza recarmi al lavoro. Spero di ristabilirmi per lunedi prossimo. Niente Palestra, niente bici, mi sento vuoto.
Intanto ho deciso di farmi un regalo a Natale:il  Power Tap, indeciso tra elite e pro, alla fine ho optato per il più pesante e meno costoso. Appena avrò il tutto posterò le foto, ruote Mavic e il tutto controllato dal mio Edge 500!

martedì 23 novembre 2010

PISCINA E .....

Oggi dopo anni, sono andato in piscina. Ero fuori provincia per lavoro e ne ho approfittato in pausa pranzo. Questa sera infatti sono arrivato a casa dopo le 19.30 e non sono riuscito a fare nulla.
Oggi circa 50 minuti in acqua, difficile, anche se ho fondo non sono riuscito a fare due vasche consecutive, dovevo fermarmi ad ogni vasca. Alla fine però circa 50 vasche fatte.
Ieri pomeriggio mi è arrivato il DVD della Oetztaler..... me lo sono visto tutto, mi sono emozionato a vedere l'impresa che ho portato a termine. Per il prossimo anno voglio esserci, magari accompagnato dalla famiglia, e con l'obbiettivo di stare sotto le 10 ore.

lunedì 22 novembre 2010

Palestra

Questa sera solito circuito di Pesi. Ho aggiunto un esercizio nuovo, con il bilanciere sulle spalle e 6 kg montati ho fatto delle torsioni del busto. L'esercizio è stato fatto da seduto come consigliatomi da un amico. anche la parte finale per gli addominali, esercizio nuovo per gli addominali bassi.
Come sempre circa 1h 15 minuti con stretching finale. Da domani sarò per 4 Martedi da un cliente fuori provincia. Non riuscirò a fare molto, la sera salvo imprevisti arriverò a casa dopo le 19. Ho deciso che nella pausa pranzo andrò in piscina, in modo da migliorare almeno nel fondo. La sera se gli impegni famigliari me lo permetteranno mi farò 45 minuti di rulli 1 ora massimo oppure un uscita a piedi.

domenica 21 novembre 2010

Riposo e Programma

Riposo forzato.... causa Pioggia. Sabato sarei anche uscito, ma Venerdi pomeriggio non ero al 100% nausea a mal di pancia, cosi ho deciso di saltare la sessione di pesi e di godermi un sabato a casa. Notizia bomba Venerdi, era già stato scritto, ma aspettavo l'email di conferma. Preso alla MDD come Prestigioso. Sarà per me la prima volta.
Sabat osera sono andato alla riunione per l'anno ciclistico di Martina. Inzieranno Martedi con Palestra, poi Camminate e nei primi di Marzo con la bici. Da Aprile inizieranno le gare. Ho tempo cosi fino al 31 Marzo per aggiustare eventualmente il programma, vorrei iscrivermi al circuito dei Nobili, ma attendo anche la loro ufficialità delle gare. Scegliendo le gare del programma, molto dipende dall'entrata  o meno della GF Maniva. Il programma per adesso è cosi strutturato.
Giro delle Regioni che va dal 13 Febbraio con Laigueglia al 25 aprile con la GF Bresciana ( ex Tre Valli).
Maggio, 15 Felice Gimondi, 22 la 9 Colli, Giugno al 19 la Sportful, Luglio 10 Maratona, e Agosto la Oetzy. Se va tutto bene mi faccio seguire dalla famiglia, oltre che nelle trasferte sul mare del Giro delle Regioni, anche a Feltre, Corvara, Solden e l'immancabile 9 Colli.
Il programma mi piacerebbe completarlo inserendo altre 3 gare in modo da raggiungere le 5 necessarie per il brevetto Nobili o Supernobili. Le possibili sono
1 Maggio Fizik, 12 Giugno Eddy Mercx e 17 o 31 Luglio la Gf Maniva. Vediamo come confermeranno quest'ultima prova e poi decideremo. Le iscrizioni chiudono al 31/03 cosi ho tempo di vedere anche se l'esperienza ciclistica di Martina sarà confermata o meno.

martedì 16 novembre 2010

Pesi

Questa sera circuito di pesi. Stesse ripetute stessi pesi, ma adesso faccio meno fatica, anche con il bilanciere non "tremo" più.  Per questa sera niente rulli, per motivi "logistici" avevo smontato il tutto e cosi non sono riuscito. Finito i pesi sono salito in casa e ho terminato la sessione con gli addominali e lo stretching. Bella sera, passata in compagnia di Martina che per la prima volta mi ha ascoltato riuscendo a farsi 30 minuti di tapis roulant 3' minuti camminata veloce 1 minuto di corsa lenta.... speriamo che mantenga le due sessioni settimanali....
Intanto è passato anche il primo giorno di dieta Ipocalorica iperproteica.... Roby insegna.

domenica 14 novembre 2010

Riva di Solto

Oggi appuntamento in tre, io Doppio Zero, e Michele, un nuovo amico. Per lui la prima uscita con il gruppo, dovrò tenerlo d'occhio, la prima volta era morto dopo 20 km, oggi invece è stato bravissimo.
Ci troviamo in sede, si aggregano Tinto e Divaricato, e in compagni del gruppo MTB ci avviamo verso il lago. Passeggiamo fino a Paderno, li lasciamo  gli amici dalle ruote grasse e via verso Passirano. Rallentiamo perchè stiamo aspettando un altro, ( che non arriva) e dopo 2 minuti ecco che arriva Olmo, ( non era in programma). Bene mi metto davanti e okkio su rpm e battiti comincio a tirare entro i 142 bpm e sopra le 100 rpm. ci uniamo ad un gruppo ma li passo e sempre li davanti proseguo per il mio passo regolare. A Provaglio dopo la rata tutti nella veloce discesa, tiro i freni e faccio girare le game, mi passno tutti quelli dell'altro gruppo. All'entrata di Iseo, ecco che il gruppone davanti si fa largo, mi passano e vedo che sono gli Amatori Ospitaletto. Allungo  per andare a salutare Stefano e cosi ci mettiano dietro a loro.
Sarà un treno velocissimo, qui i battiti saltano un po per la velocità un po per la bella chiacchierata con Stefano. Prendiam ola sponda bergamasca del algo e via sempre in fila, appena prima della Galleria, affianco Marzio, e comincio la chiacchierata con lui, devo stare attento agli amici, sopratutto Michele.
Arriviamo a Tavernole, e li deciso per proseguire verso Lovere con loro, Tinto e Divaricato girano la bici.
Arriviamo appena prima di Riva di Solto, sono davanti con Marzio, Scatena e gli altri, ma mi accorgo che ho perso Michele, cosi in cima allo strappo del Zu, rallento e mi faccio raggiungere da Doppio Zero, gli altri proseguono, mentre noi due rallentiamo attendendo Michele. Prima della galleria giriamo la bici e torniamo indietro, rischiamo di non portarlo a casa. Nel rientro mi metto davanti e cosi sarà fino a casa assieme ai cambi di Doppio Zero. Non possiamo aumentare troppo, Michele è stanco, e cosi arriviamo a Passirano dove lasciamo Doppio Zero, mentre io e Michele via verso casa. Al rientro ho trovato Dario un amico del gruppo di Costa volpino, ha cambiato la bici, è sempre giovane,  sempre magro ma mulina come pochi. Che dire come da Traccia Garmin, sono stati 85 km fatti bene, non sono ancora riuscito a tenere le 100 rmp di media ma ci sono vicino. Un bravo a Michele, vedrai che in un paio di mesi sarai pronto per Laigueglia.
Link al Garmin Connect

sabato 13 novembre 2010

PRIMA USCITA IN BDC

FRANCIACORTA Link al Gamin Connect con l'uscita

Questa mattina è iniziata la Stagione 2011 in BDC. Ieri ho ritirato la Cervelo con il nuovo Dura Ace e d'accordo con Zaina ci siamo trovati alle 8.15. Si sono aggregati il Pres, Diabolik e Fine Mese.  Uscita in agilità, tutto con il 34 cercando di tenere alto i rpm anche negli strappetti. Io e Zaina avevamo in porgramma Vigolino, invece una fastidiosa tosse l'ha fatto desistere dall'impresa e cosi a Sarnico siamo andati dietro agli altri. STop per un Tè caldo sul lago ( per mè sarà l'ultima volta) e poi direzione franciacorta , verso Erbusco, dove Diabolik voleva visionare una MTB da Giangi. Rientro a casa, qui un buon caffè al Jinseng ci stava. Ritorno con circa 55 km. Domani forse replico, non sò se in BDC o MTB.
Ho fatto la foto al nuovo assetto, compreso di pedali speedplay. Qui ci devo fare l'abitudine, per adesso tranne l'estetica della bici, non ho trovato grosse differenze.

venerdì 12 novembre 2010

Pesi

Questa sera Lavoro in palestra. sono anche riuscito ad aggiustare gli esercizi, l'altro giorno ho trovato le molle per poter eseguire lavori sui muscoli aduttori e abduttori. Questa sera ho cosi messo a punto la scheda. Oggi mi è arrivato il materiale dalla Hibike, tutto ok tranne le ginocchiere che sono grandi. Ho scritto un email, vediamo come fare per il cambio taglia. Questa sera ho poi ritirato la bici. Bella, con il nastro nero non è male, ho il nero nell'anteriore e il bianco nel posteriore con la sella. Oggi pomeriggio lavoro sulle scarpe ho montato i speedplay. Domani si parte con il fondo! Appena riesco la peso con calma,appendendola ad un supporto,  prima di uscire l'abbiamo pesata, ma Luca traballava un po, stiamo lavorando su etti e se non si sta ben fermi è difficile avere un peso reale. Teoricamente dovrebbe essere meno di 7 kg, questa sera con appena la pompa "nudo" era 7,1 kg.
Questa sera ho azzerato il Garmin 500.
A Voi!

martedì 9 novembre 2010

Stretching e Hi Bike

Questa sera Circuito a corpo libero con Stretching su tappetino, la caldo in salotto..... per finire le solite serie di adodominale. Gambe legnose, spero che con gli esercizi di questa sera domani possa fare un'altra seduta di potenza. Negli addominali sentivo invece la parte bassa della schiena un po indolenzita.
Ho ordinato un bel faro per le uscite serali-notturne... faccio fatica a fare i rulli sopratutto di testa. Oltre a questo mi arriveranno un paio di ginocchiere Gorotex invernali ( da mettere sotto per il freddo alle articolazioni) e un paio di pedali shimano per la MTB, i frollini sono troppo liberi e ogni volta ritorno dal giro con un dolore al ginocchio dx.
GORE BIKE WEAR Thermo scaldaginocchia 
Sigma Sport Pava LED

lunedì 8 novembre 2010

Nuovo Software

Stò pensando di farmi un programmino per tenermi un Diario allenamenti.
Magari mi date delle idee!
La bozza che ho pensato è questa.
Data  dell'allenamento
Tipo dell'allenamento ( BDC-MTB-TRAINING-RULLI)
per ogni tipo verranno compilate queste informazioni
Tempo inizio e fine ( durata)
km e altimetria del percorso, dati massimi e medi di : FC, RPM,Velocità,Potenza,
per la FC si impostano i dati dei vari Range, ( medio veloce etc etc etc)
Kcal Bruciate

nella maschera di inserimento troveremo anche questi dati, alcuni automatici altri non obbligatori.
FC riposo del giorno ( non obbligatoria, ma se impariamo a prenderla possiamo usare il dato)
GG passati dall'ultimo allenamento inserito ( doppio dato magari anche ore)
Ore di sonno ( non obbligatorio)
Sensazioni ( una serie di tipi da selezionare)
Peso corporeo  preso al mattino ( non obbligatorio)
Un campo con le note da inserire a mano.

inseriti i dati andremo a lavorare sui report, fatti a tabelle o a grafici.

secondo voi potrebbe essere utile? e fattibile?

attendo delle nuove idee meglio per email se vi è possibile.

PROGRAMMA STAGIONE 2011- PRIMA PARTE

Questa mattina ho letto il post di Marco del suo programma, e come promesso mi sono preso l'impegno di discuterne questa sera con Rossana.( a dire il vero l'ho fatto in pausa pranzo)
Per adesso passa la prima parte del Programma che avevo in mente e cioè il Giro delle Regioni.

Affiancherò, almeno alla partenza, Marco e Frenk, poi alla prima curva li lascerò andare. Sono contento cosi potrò vedere i miei amici e nelle prima 4 sarò accompagnato da Rossana e Martina.
  1. 13/02     Granfondo Laigueglia
  2. 06/03     Granfondo Val di Cecina
  3. 27/03     Granfondo città della Spezia
  4. 10/04     Granfondo il diavolo in Versilia (Viareggio)
  5. 17/04     Granfondo Perini Carpaneto (PC)
  6. 25/04     Granfondo valli Bresciane ( Ex Tre Valli)
Per la seconda parte vediamo, aspetto l'ufficialità del Prestigio e dei Nobili, ma sopratutto il programma che dovrà affrontare Martina. Tutto dipende da questo, logico un occhio di riguardo la Prestigio ma solo per questi motivi: primo, alla MDD stando a Cicloturismo sarò iscritto di diritto, secondo alla Nove Colli, gara cult non posso mancare ( mi sono iscritto oggi) terzo per scudettarsi non si ha bisogno di abbonamenti ma solo di presenze! Se quest'ultima possibilità fosse data anche al circuito dei Nobili forse avrei puntato direttamente a quello.

Palestra

questa sera seduta in garage con i pesi.
Su indicazione di Roby ho creato una scheda e l'ho seguita. alla fine ho creato una corsa da 5 km e in agilità ho trasformato il lavoro precedente. In questo modo potrò verificare anche i miglioramenti del fondo, questa sera i 5 km li ho chiusi in 15 minuti circa i rulli mi restituiscono le medie di rpm e bpm oltre  che di velocità e di potenza. Terminato il tutto con i soliti esercizi di stretching.
Negli esercizi ho trovato gli affondi e il lavoro sui polpacci molto impegnativo. Nel primo ho preferito lavorare senza pesi, solo con il bilanciere, nel secondo le ultime ripetizione di ogni serie erano durissime.
Ora se il fisico recupera richiamerò questo circuit anche Mercoledi e Venerdi altrimenti solo Venerdi.

MTB

Sabato sera ci siamo abbuffati con gli amici all'oratorio. Cena a base di Spiedo organizzato da 220 e presenti circa 70 persone della Freebike( comprensive di famiglia logico...) Domenica ci ritroviamo in sede alle 8, eravamo proprio tanti. Accompagnati da una leggera pioggerella abbiamo preso per la franciacorta e via in direzione Clusane tra "caretere" e asfalto. Arrivati sul lago io, gambone, Ciappo, Doppio zero, Costantino, Sempre e Flash abbiamo proseguito, mentre tutti gli altri hanno fatto il pit stop caffè. Personalmente ritengo che ormai faccia freddo per fermarci e ripartire. Tirati dal Gambone, ci siamo fatti tutta la franciacorta, posterò il percorso essendo un ottimo banco di allenamento sopratutto in previsione di giorni uggiosi e freddi con l'impossibilità di usare la BDC. Alla fine circa 60 km e rientor per le 11,30. Questa mattina ho ordinato su Hibike una luce anteriore sigma e una paio di ginocchiere invernali cosi da prepararmi alla stagione fredda e corta. Se posso il fondo lo farò in esterna evitando i rulli.
Spero questa settimana di avere la Cervelo montata... ma ne dubito.

mercoledì 3 novembre 2010

Circuito a corpo libero

Questa sera avevo n programma una corsa-camminata di 30 minuti e poi degli esercizi liberi, ma la prima parte l'ho saltata, impegni e gambe affaticate mi hanno fatto desistere. La sera prima di coricarmi circa 30 minuti di esercizio. Tre Serie da 10 rip  per gli addominali, poi via con lo stretching. Domani ho un impegno di lavoro molto lungo, spero di tornare entro le 20 e riuscire cosi a continuare con il programma.
Oggi ho portato la bici dal meccanico, ma non hanno in casa il gruppo, dovrò pazientare. Intanto ho deciso di montare i speed play.

martedì 2 novembre 2010

INIZIO STAGIONE 2011

Oggi è iniziata ufficialmente la mia stagione 2011.
Da Lunedi 1 novembre ho ripreso anche l'alimentazione controllata.
Questa sera sono anche andato ritirare il nuovo telaio sempre un Cervelo R3 2010, niente upgrade, Cervelo intanto che ha ancora telai 2010 li sostituisce con gli stessi.
Arrivato a casa mi sono cambiato e sono sceso in garage con Martina, anche lei vuole fare palestra....
Esercizi sia per spalle braccia pettorali, poi le gambe , come suggeritomi da Roby finisco il tutto sui rulli, ma essendo già tardi faccio 10 minuti tenendo le 105 rpm a 125 bpm facendo 4 km esatti.
Qualche esercizio di allungamento e un paio di serie per gli addominali.

Domani Mattina la bici per il montaggio. Sono indeciso per i pedali, li ho messi in vendita sul forum, solo in tre hanno realmente dato la disponibilità, rilanciando sul prezzo. A questo punto mi sa che li tengo.

Programma Gare.
Non sò, sono indeciso e voglio parlare a casa. Se riesco a convincere Rossana, magari accompagno Marco e Frenk al circuito Regioni ( non mi piacciono le ultime due gare), poi mi seleziono 5 gare dei Nobili aggiungo infine MDD  e Oetzy. Restano fuori Sportful e 9 Colli: cosa fare?

Resoconto Ottobre

Chiudiamo l'ultimo mese della stagione 2010. Solo MTB con tre uscite calcolate tramite gli amici in quanto il Garmin mi ha lasciato solo in tre occasioni.

4,5 km Corsa
295 km in MTB
7 uscite
5460 mt di dislivello
circa 23h 38 min 50 sec

la stagione 2010 viene conclusa

96 km a Piedi
7019 km in BDC
490 km in MTB
556 km sui Rulli


TOTALI 8065 km + 96 a Piedi

sabato 30 ottobre 2010

Pantani, impresa Montecampione



Oggi pomeriggio mi sono guardato il DVD n°4 della collana Tutto Pantani.
era il 1998 Giro e Tour! Ancora oggi, dopo 12 anni Marco riesce a regalarmi delle belle Emozioni.
Ciao Marco e Grazie

S. Maria del Giogo

Oggi uscita in MTB con i soliti amici, quelli che mi tirano il collo. Celli Gambone Ciappo etc etc.
Partenza alle 8.15 direzione Ome dove si comincia da subito a salire. Fino in Barghe tutto bene, lo scorso anno avevo tribulato quest'anno si vede che la gamba è diversa, e anche se ho preso 3-4 kg salgo abbastanza bene.
Pezzo in asfalto, poi di nuovo sterrato fino alla presa della salita di S. Maria del Giogo. Qui un problema tecnico mi ferma, la catena mi si incastra tra il pacco pignoni e la ruota, stavo mettendo il 34 e trak. Mi fermo e con l'aiuto del Ciappo riparto. Negli ultimi 500 mt ancora una volta, ma qui assieme a Quentin facciamo più fatica. In cima, una ragazzo mi regola il cambio, lavora alla decathlon come meccanico... che fortuna che ho avuto. Discesa il primo pezzo molto bello quasi un single track, poi una strada ricoperta di foglie. A metà ecco il bivio, gli amici si fermano mi avvisano della pericolosità, abbassano la sella e giù. Una pietraia! mi sono fatto dei pezzi a piedi per paura di cadere, e poi alla fine sono caduto lo stesso,ero fermo ma la strada era troppo ripida, ho preso paura, ho frenato ed ecco un bel 360. Verso la fine della discesa trovo 220, a terra: spalla lussata e via al pronto soccorso. Per fortuna eravamo alla fine, l'abbiamo accompagnato al PS dell'ospedale di Gardone e una volta al sicuro siamo ripartiti. Tutti in fila come se fossimo in BDC.
Alla fine l'uscita è stata bella, peccato per la discesa, mi avevano avvisato, tranne io e Pingui gli altri l'anno fatta tutta in sella, io sono proprio inganfito con la MTB!
Auguri a 220 che sicuramente andrà a punti, abbiamo fatto alcune foto al PS....

giovedì 21 ottobre 2010

CERVELO R3 CAPUT

Mi hanno chiamato questa mattina che il telaio della R3 è crepato nel punto del movimento centrale. Dovrebbe essere un difetto conosicuto ma sono obbligato a portarlo da Miglio. A questo punto spero nel cambio con un R3 SL 2010 o R3 2011 pagando una piccola differenza.. Allego la foto che ho fatto con il cellulare. si vede sopra il foro la crepa a forma di arco. Ieri lunga chiacchierata con Frenk.... mi ha anticipato le novità di Marco.... e magari riusciamo anche a fare qualche GF assieme, stò lavorando ai fianchi la moglie, io in bici e lei a spasso sul lungomare ligure e toscano.....con Martina. Martedi prima uscita Running, ho le gambe sulle spalle!!!!! questa sera si replica vediamo...
Ecco la foto

martedì 12 ottobre 2010

UP-GRADE

Oggi ho portato la mia R3 dal meccanico. Cambio il gruppo smonto l'ultegra e monto il Dura Ace. Invece che 11-28 ho fatto montare il 12-27. Ho paura che mi mancherà quel dente in più, ma era troppo il salto da 24 a 28 quasi inutile.... Cambio il nastro, lo metto nero, cambierò anche i pedali, avevo già acquistato prima delle vacanze gli speedy play. Appena è pronta la peso, la fotografo e la pubblico.

lunedì 11 ottobre 2010

Lumezzane: Poffe

Settimana libera. Per via dell'infortunio, non ho cominicato con il programma. Sabato uscita in MTB con gli amici, tranne un tratto di pochi km fatti in apena, appena la salita si è resa difficile, ho scaricato sul rampichino e me la sono fatta chiacchierando assieme a Vito e Ribulì. Discesa un fantastico tobago su un sentiero scorrevole nel bosco. rientro a casa con circa 60 km, devo farmi dare il file da Celli in quanto avevo montato l'edge 500 sulla mtb ma mi ero dimenticato di ricaricarlo...( almeno spero che sia questo il motivo che mi ha spento il tutto all'entrata di Lumezzane). Sabato pomeriggio grande fresta, si sono sposati Silvana e Michele, mia nipote. Hanno organizzato tutto alla perfezione se non avessimo avuto Martina avremmo continuato fino alle 5, ma lei ha "resistito" fino alle 2 e mezza! Domenica siamo stati a letto fino a tardi, abbuffata di dolci anche Domenica con la consueta "gallina". Questa mattina la bilancia piangeva! In serata tolgo i punti al gomito, ho deciso di preparare la sala "pesi" questa settimana in modo da iniziare settimana prossima e dare modo alla ferita di ripristinarsi al meglio. Forse non potrò essere presente alla 9 Colli. Devo parlare con Martina, la nostra bambina. Ha un appuntamento per il catechismo proprio quel giorno, "non è facoltativo" cosi mi è stato detto..... personalmente sono contrario a qualsiasi "obbligo" ma facico decidere a lei.

sabato 2 ottobre 2010

Prima uscita prima fuga

Oggi la pirma uscita per la nuova stagione, decidiamo di farci un giretto circa 86 km  per quasi 2000mt di dislivello, rigorosamente in MTB.
Il primo pezzo siamo accompagnati dagli amici in BDC, anche la salita di Zone viene fatta assieme, poi al bivio per la Croce di Marone, ci salutiamo. giornata grigia, ma come sempre il gruppo rallegra la giornata. Salgo asssieme ai più veloci, verso la fine, rallento e mi faccio il pezzo prima della cementina assieme al Ciappo. Mancano solo 300-400 mt ma sono VERTICALI! scendo due volte, non riesco a mettere il peso del corpo davanti e la bici si impenna, al secondo strappo non tento neanche, scendo e spingo la bici. Ormai siamo in vetta, entro nel rifugio, mi cambio la maglietta intima e quella sopra, antivento e fuori perla foto di rito. Abbiamo ancora 300 mt per arrivare ai 1900 mt, a meta salita il fattaccio! sono con il rampichno, il fondo è molto sconnesso pieno di pietre, cerco di saltare con la ruota anteirore una pietra, accellero ed ecco che perdo il controllo e mi ribalto all'indietro un 360 in verticale! dietor ho lo zaino che mi salva la schiena, ma prendo una botta al gomito destro. Gli amici ridono, preoccupati ma ridono. Decido di fare gli ultimi metri a piedi, arrivati in vetta ecco la discesa. La prima parte scivolosa, la seconda da fare a piedi e poi si scende volando. io tiro i freni, ed assieme a Zaina scendo molto attento e con le dovute cautele. Arriviamo a meta discesa e mi accorgo che non ho riavviato il Forerunner!!! devo vedere se posso fare la pausa atuomatica altrimenti mi porto il 500! Eccoci finalmente all'amato asfalto, qui mollo freni e bici e raggiungo gli altri. siamo in Valle dall'atra parte da dove siamo saliti, infatti la salita dalla Valle Camonica e la discesa dalla Val Trompia. tolgo l'antivento e gli amici mi fanno notare che ho perso sangue dal gomito: sarà stata la botta. In 4 prendiamo per casa, scendo davanti a tirare il gruppo a 35 km/h mentre gli altri decidono per una pizza. Altro strappo della  forcella e poi a casa. Doccia e un bel piatto di paella poi.....
Ecco arrivati fin qui vi chiederete: cosa c'entra la fuga? beh mia Mamma si accorge che perdo sangue e cosi mi faccio medicare da mio cognato che però mi consiglia di andare al Pronto Soccorso....  torno con 7 punti di sutura al gomito.... è o non è una fuga questa? prima uscita e già 7 punti di vantaggio sui diretti avversari......

ieri avevo deciso di evitare la corsa data la giornata di oggi, ma settimana prossima dovrò invece evitare i pesi, comincerò dopo, ma la corsa quella no.... si può fare.

Domani foto ufficiale FreeBike e cosi esco ancora in MTB, girettino veloce ma esco.... mi sto divertendo troppo!

venerdì 1 ottobre 2010

Resoconto Settembre

11 uscite soltanto! si vede proprio che senza obbiettivi si comincia a mollare....

661,5 km
36h 20 min 18 sec
8021 mt di dislivello

Chiudo la stagione 2010 iniziata il 1 novembre 2009 con:
91,5 km a piedi
7019 km in BDC
195 km in MTB
556 km sui Rulli

lunedì 27 settembre 2010

Che fine ho fatto?

Sicuramente è la cosa che gli amici si stannpo chiedendo....
Sono sempre qui, la stagione ormai è finita, le uscite calano  e in casa bisogna dare spazio alla famiglia.
Per prima cosa riassumiamo le uscite.
Domenica Mattina 19 uscita con gli amici, volevo farmi 50 km in scioltezza, alla fine risultavano 100 alla media quasi dei 30 km/h sempre davanti a tirare inseite al Gambone, dislivello quasi inesistente. Giovedi uscita sempre in BDC pestando un pochetto ma senza affanno, circa 35 km, partiti alle 18.10 arrivati dopo poco più di 1 ora con la luce soffusa, mi sa che resterà l'ultima uscita serale... Sabato invece la mattina avevo un impegno, stiamo cambiando gli infissi di casa, cosi sono uscito nel pomeriggio assieme a l Pres e a Michele, un amico appena iscritto alla Free-Bike. uscita blanda ho raggiunto i 135 bpm sul cavalcavia poi quasi sempre a 100-110. 1 ora e mezza circa con sosta caffè cosi al rientro sono passato a prendere Martina al'oratorio dove aveva inaugurato  il catechismo 2011.
Adesso si fanno programmi per la prossima stagione, stò aspettando l'ufficialità del Circuito Nobili e Super Nobili cosi potrò programmare le gare assieme al Challenge Giordana.
Niente preparatore, mi affido al programma dello scorso anno di Juri, ai libri che ho letto, ai consigli degli amici. Adesso stò valutando di fare Ottobre e Novembre con la corsa a piedi durante la settima e uscite in MTB o BDC leggere nei fine settimana. Dal 1 dicembre penso di cominciare la stagione 2011 con il fondo.

sabato 18 settembre 2010

LO SQUALO E' IL RE DI SPAGNA

Dopo il giro la Liquigas si fa anche la Vuelta!
Dopo Basso ecco Nibali!
Dopo un giro da protagonista, una Vuelta da Capitano.
GRANDE

Puntato il canale Eurosport di sky, mi sono visto le fasi finali della tappa. Peccato che a 5 km il segnale è sparito. riesco a riprenderlo in tempo, manca 1 km , Vincenzo "rischia" anche la vittoria di tappa su un muro in cemento al 20%. A circa 6 km attacco di Frank Schleckrispondo i primi tre della classifica, poi rasoiata di Mosquera che allunga.  Perdo il segnale ma Vincenzo sale del suo passo senza rispondere agli attacchi. Sarà la tattica giusta, sale sale sale, alla fine a 100 mt affianca Mosquera che però riesce a vincere la tappa. Terzo  Rodriguez che forse si aggiudica anche il podio della Vuelta.

Uscita in MTB

Questa mattina mi sono fatto un uscita a rischio.
Primo sabato di Scuola e cosi la partenza viene posticipata alle 8.15. Siamo in tre, io Vito e Ribulì, l'idea è di andare in Quarone, ma a Vito gli viene la fantastica pensata di salire da Monticelli Brusati. Partenza con le solite chiacchiere, ma già verso Ome le gambe girano a mille, abbassiamo l'andatura e a Monticelli, cominciamo la salitella. Puntata alle Cascate, non le avevo mai viste, dovrò portarci Martina, è un posto molto tranquillo e sembra di essere in un luogo incantato, la cascata è di 3 mt, ma a fianco c'è una scala in ferro che a dire di Vito, ti porta nel tratto successivo dove si ha la possibilità di fare un percorso su ferrata. Anche per i bimbi. Rientriamo a Gaina, località di Monticelli e al bivio prendiamo per una cementina. Quando scaricherò i dati noterete l'impennata, si va subito a doppia cifra e vicini al 20%. saliamo tranquilli fino a quando la strada da cemento diventa una pietraia, qui il primo pezzo lo riesco a fare poi la paura di perdere l'equilibrio e di non sganciarmi mi fa desistere dall'impegno, la gamba c'è ma manca appunto la sicurezza dell'equilibrio. Ok siamo quasi fermi, ma una botta al fianco dopo me la porto per settimane dopo. Tranne un paio di pezzi fatti appunto a mano..... arriviamo direttamente a S.Giovanni di Polaveno. Ci fermiamo al solito bar per un Caffè e poi decidiamo per Quarone passando da Brione, l'alternativa era Visalla, ma il cielo non promette bene, cosi via per la prima opzione. Arrivati in Quarone, scendiamo alle Civine e poi salutando Silvio (Vito) che si ferma a casa io e Pierangelo  proseguiamo verso il centro di Gussago. Mi tolgo lo spolverino, ma non faccio a tempo a metterlo in tasca che comincia a piovigginare, cosi mi rimetto il tutto e alzando un po il ritmo mi dirigo verso Castegnato. Alla fine circa 40 km e alle 11 ero sotto la odccia.
Bel giro bella compagnia , peccato solo per il Pres, presnente alla partenza in BDC perchè non vuole più usare la MTB! che Bebò!

lunedì 13 settembre 2010

Cima Tombea

LINK CIMA TOMBEA
3621 mt di dilsivello...... x 89 km devo controllare con gli altri a memoria dovrebbero essere al massimo 2850 mt per 90 km.
Eccoci a Metà salita prima del Tombea
Partenza da Navazzo e percorriamo la strada a fianco  del lago di Valvestino, fino a Magasa, dove si prende per una "diritta via" abbastanza impegnativa. Qui la strada comincia a tirare bene, e un primo tratto cementato fa registrare un bel 23% dal garmin di Celli. La strada entra in un bosco, successivamente diventa un paesaggio a basa di pietre, sia nella montagna ma anche lungo la strada. Dobbiamo usare il rampichino  per salvare la gamba ma sopratutto per tenere equilibrio tra le pietre smosse lungo la strada.  a Metà ci fermiamo per la foto, poi si riparte arrivando in cima dove da un lato si vede il Lago d'Idro e dalll'altro quello di Garda. La prima discesa è molto impegnativa, la faccio a piano ho paura sia delle pietre che rendono la bici incontrollabile sia delle mie vertigini, infatti questo primo km di discesa costeggia proprio un bello strapiombo. Arriviamo a fondo valle appena prima di Vesio, dove in un bellissimo ristorante ci attenda una prima pausa. Abbiamo fatto circa 45 km,ma il Gambone ci riserva una bella sorpresa. A dir suo non dovrebbe mancare tanto, ma alla fine scopriremo che eravamo a metà giro. La Salita successiva ci porta prima a Tignale e da qui una salita di circa 7 km ( sembravano molti di più) bella tosta ci porta in quota per poi affrontare prima un falsopiano e poi un'altra piccola salita molto tecnica. Discesa a tutta verso Navazzo per prendere la macchina e ritoranare a casa. Alla fine ho visto posti che non avevo mai visto, nemmeno in macchina: come sempre il Gambone mi ha portato in bellissimi luoghi.... Tribolando ma ci siamo andati.
Siamo in Cima
Posto alcune foto.
Pingui, Cacciatore e Bin Laden a sx verso Idro a dx per il Tremalzo




domenica 12 settembre 2010

Aperitivo....Cima Tombea

Ieri Girone in MTB. Partiti alle 7 da casa arriviamo a Navazzo dopo le 8, inforchiamo le bici e via.... direzione Cima Tombea. Nel prossimo post racconterò posterò foto, vi anticipo solo 90 km 2800 mt di dislivello, oltre 7 ore di bici ritorno a casa dopo le 19.
Questa Mattina giorno speciale, sono al battesimo della mia pronipote.... Auguri Gloria

giovedì 9 settembre 2010

Resoconto Agosto 2010

Per fortuna che avevo la GF in Austria....

in sole 11 uscite ho fatto:

725,03 km
30 h 02 min 44 sec
8.896 mt di dislivello

PRESTIGIO 2010

9 Gare su 10


GRAZIE A:

11/04 SELLE ITALIA
1)  Rossana e Martina che hanno pazientemente atteso a casa ad ogni mia trasferta!
25/04 FELICE GIMONDI
2) Mauro e Domenico che mi hanno aiutato ad affrontare ogni GF sentendomi forte ed invincibile!
01/05 X COLLI
3) Juri al secolo JFB07 che mi ha seguito negli allenamenti!
23/05 NOVE COLLI
4) Volontari  e Forze dell'Ordine presenti in ogni GF che mi hanno coccolato ai ristori e protetto agli incroci!
20/06 SPORTFUL
5) Amici della Freebike che mi hanno accompagnato negli allenamenti!
04/07 FAUSTO COPPI
6) Marco e Roby amici di blog che mi hanno sempre sostenuto e consigliato!
18/07 PINARELLO
7) Luca ( Clodovico) e Marcello che mi hanno permesso di partecipare alla Oetztaler Radmarathon
29/08 OETZTALER RADMARATHON
8) Mia Cervelo R3 2010 che per tutti i 1540 km non ha mai avuto un problema
05/09 COLNAGO
9) Le mie gambe, i miei polmoni, la mia testa... a ME STESSO!

domenica 5 settembre 2010

GF Colnago

Ho finito! con questa un bel 9/10 per il Prestigio 2010.
La gara in se non mi è piaciuta, ottima organizzazione, ottimo i controlli lungo la strada, ottimi i ristori, ma.. le strade ORRENDE da incubo e poi soffro questi mangia e bevi senza contare gli strappi a doppia cifra ma vicini al 20. Sveglia alle 5.45 colazione e alle 6.30 si parte. Dopo il ritiro del pettorale, ci avviciniamo alla griglia. Puntuali si parte. Qui come al solito perdo le ruote, riesco a raggiungere il Tuttologo che non sta molto bene ( come del resto il sottoscritto), il Pres lo prendo in cima della prima salita, un 3 km con punte quasi al 20%. Lo prendo perchè è fermo ad aspettarci. Attendiamo e ricompattato il trio  si parte. Qui non esiste discesa e ci facciamo tutte le colline della zona, e finalmente un po di sollievo con una discesa. Seconda volta che perdo le ruote, cosi da solo devo rientrare, una faticaccia!  Eccoci siamo alla strada per il S.Barbara. Salita di 18 km con una pendenza media del 6% e una punta del 14% ( ma per me è molto di piu). Cerco di tenere il mio ritmo, dico agli amici che li aspetto in cima, ma a 3/4 mi raggiungono e cosi assieme conquistiamo i 100 e passa metri della salita. Qui la discesa da incubo, segnalata ad ogni curva ed ogni buca, ma comunque pericolosa. Per finire il Passo Cerro. qui la salita è continua e dolce, solo verso la fine ha delle impennate, ma non come le precedenti. La discesa del Cerro risulterà migliore ma sempre pericolosa. In fondo prendiamo un buon gruppo, ma prima della svolta verso l'ultimo dente di 2 km al 8% ecco che il Pres rifora ( la prima volta sul Cerro). Perdiamo il gruppo, e saremo poi noi, assieme ad altri due a portare il nostro all'arrivo. Tagliamo il traguardo in linea come sempre festeggiando il Pres che ha fatto 10/10.
Niente Pasta Party, voglio ritornare a casa, Venerdi notte avevo la febbre, Sabato uno scarico di 1 ora ma il fisico non era a posto, oggi gara con raffreddore, una fatica immensa a respirare e un continuo dolore sul petto e in testa. Alla fine ho anche spinto bene, ma ero stracotto, Ora una tosse secchissima mi accompagna, finisco il post e poi a letto. Ormai il Prestigio è finito, salto la Gimondi Bike, uscirò in MTB e ancora magari con la BDC finiamo questa lunga stagione con gli amici senza l'assillo delle tabelle e degli allenamenti.

venerdì 3 settembre 2010

eccheca...o

Ho appena cambiato la S2 con nuova R3 e questi cosa fanno...... ma è proprio bella!
da Ser Pecora e dal Diretur direttamente dall'Eurobike 2010!

giovedì 2 settembre 2010

Ruote in carbonio

Le ho usate una volta, questa sera forse le monto... forse, dato che ho intenzione di venderle.

martedì 31 agosto 2010

HO REALIZZATO IL MIO SOGNO!

Oetzy 2010 ( link al Garmin)


Arriviamo Sabato intorno alle 18.00 a Solden. Pioviggina e 1000 preoccupazioni cominciano a frullarci per la testa. Come sempre assieme a me ci sono Mauro e Domenico, alla prima esperienza il primo, alla seconda partecipazione il secondo. Ci arriva anche un sms dall’organizzazione dove ci consigliano un abbigliamento adeguato.

Sveglia alle 4.45 scendiamo a fare un ricca colazione e poi su per la vestizione. Decidiamo tutti e tre di partire con completo estivo, sotto al posto del traforato mettiamo la maglietta sportful estiva, paclite, gambali, manicotti, guanti invernali. Abbiamo acquistato una borsetta da mettere davanti al manubrio, e dentro ci mettiamo un paio di guanti di ricambio e un cappellino. Io e il tuttologo poi decidiamo di metterci sopra la maglia quella primaverile della sportful a manica lunga, io aggiungo anche un secondo sottocasco. Preparo poi 5 barrette, 3 “ciucetti”, gli aminoacidi, un apio di buste di Sali e un paio di polase sport. Scendiamo prepariamo le nostre biciclette e verso le 6.15 ci portiamo in griglia. Col “senno di poi” potevo evitare la seconda maglia e i guanti di riserva.

Passo il tappeto alle 6.57.51 e dal li comincia la mia Oetzy!

Il primo pezzo è una lunga discesa, ogni spartitraffico viene segnalato dai vigili del fuoco e ai lati delle strade famiglie con bambini piccoli a farci il tifo con campanacci fischietti e vuvuzelas, emozionante credetemi. L’inizio come ad ogni GF la facciamo a buon ritmo, sempre oltre i 40 restando attenti ad ogni corridore. Eccoci al bivio di Oetz, prima della salita, qui arrivo 2618° con il tempo di 42.18 minuti. Ci fermiamo a bordo strada, ci togliamo la maglia primaverile, (mettendola nella borsetta) il sottocasco,i guanti e il pac-lite (che finiscono nelle tasche della maglia. Inizia cosi l’ascesa al passo Kühtai. Mi concentro sui battiti, devono restare sotto la soglia di 10 se non oltre. Salgo bene, agile dove posso, in un tratto con lavori in corso siamo circondati da un auto dell’organizzazione e da un’ambulanza che creano un ingorgo e ci fanno mettere piede a terra: peccato. Siamo sempre insieme, il paesaggio è fantastico, anche qui nell’ascesa ci troviamo i tifosi. Vicino al passo si apre una grandissima vallata con un ruscello sulla destra baciato dai primi raggi del sole, una quiete assoluta, un posto da favola. Stiamo arrivando in cima e qui appena passato il tappeto ci fermiamo per la vestizione e per la prima barretta. Ecco i tempi della cronoscalata

Cronoscalata Oetz - Kühtai 17.3km, dislivello 1200m

tempo di scalata 1:30.45,7

media oraria 11,436 km/h

posto assoluto 2590.

posto categoria 1547.

Discesona! Devo stare attento alle griglie, alle vacche, e non meno ai corridori, ci hanno informato che non sono tutti dei provetti ciclisti. Dal garmin vedo la velocità massima raggiunta: 98 Km/h non mi sembra vero cosi importo i dati con il programma Training Center della Garmin e anche qui viene confermato, poi provo con Sport Traks e qui si “abbassa” a 96.2: potrebbe essere un errore anche se Mauro in gara vede sul suo Polar oltre i 94 km/h. Eccoci in fondo, senza fermarci mi tolgo guanti e paclite, mi prendo un aminoacido di 1g e mi mangio un’altra mezza barretta. Mauro si era fermato perché aveva perso la borraccia, Domenico mi aveva staccato in discesa e cosi rallentiamo in attesa del rientro del Pres e alle porte di Innsbruck ci riuniamo. Sono le 10.06 e cominciamo l’ascesa al passo del Brennero,38.2 km con un dislivello di 697, una salita molto pedalabile. Qui ci uniamo in un gruppo, ma risulta essere un po lento e cosi ci mettiamo davanti noi tre e raggiungiamo quello successivo. Questo passo è una salita atipica, restiamo nel gruppo nei primi posti, poi ad un certo punto mi ritrovo chiuso in mezzo, e vedo i miei due amici davanti staccati di qualche metro; decido di uscire e di aumentare l’andatura cosi rompo il gruppo in due tronconi. Ad un certo punto da dietro arriva un treno, e noi senza pensarci ci accodiamo. Ci porta per un bel tratto a velocità sostenuta, ma anche da dietro ho il cuore vicino alla soglia e come me anche i miei due amici e cosi decidiamo di fermarci dietro ad un altro gruppetto appena raggiunto. Eccoci in vetta, siamo in Italia ci fermiamo al ristoro, riempiamo le borracce, un piccolo panino al formaggio un paio di pezzi di mela e 4-5 albicocche secche e via. Appena fuori l’abitato ci fermiamo alla toilette e completiamo la vestizione e giù in discesa a tutta. Qui caso vuole che ritrovo l’amico con cui avevo fatto gli ultimi 40 km della 9 colli e assieme tiriamo fino ai piedi del Passo Giovo. Ecco i dati dell’ascesa al Brennero.

Cronoscalata Innsbruck-Brenner 38.2km, dislivello 697m

tempo di scalata 1:25.43,7

media oraria 26,735 km/h

posto assoluto 2392.

posto categoria 1425.

Tocca al Giovo,qui ancora una volta i paesaggi cambiano, cerco di restare un po all’ombra, ma non è facilissimo, saliamo bene, io nella mia mente cerco di immaginare i vari km che mancano, è la prima Gf che non mi viene in mente la tipica frase: “ chi me lo ha fatto fare” sento che è il giorno dell’impresa, mi immagino che sto scendendo il Rombo, passo oltre, il Giovo lo domo senza pensieri, sempre al nostro passo, ma senza strafare, ogni tanto provo a forzare per qualche metro, vedo che il cuore sale, segno che il mio fisico risponde alle sollecitazioni, sono stanco ma ne ho ancora. Eccoci in vetta, questi i tempi della scalata al Giovo.

Cronoscalata Gasteig-Passo Giovo 21.6km, dislivello 1130m

tempo di scalata 1:35.51,9

media oraria 13,519 km/h

posto assoluto 2142.

posto categoria 1252.

In queste prime 7 ore di gara che sono passate,mi sono alimentato con regolarità, come indicatomi dal dietologo mi sono preso anche gli amminoacidi, non 1 ogni ora ma ogni 1.5h adesso mi aspetta una discesa segnalata come pericolosa per via di lavori in corso. Perdo la ruota dei miei due compari, scendo controllando la bici, non trovo ostacoli, ma meglio controllarmi. Ecco che entro a St.Leonhard, da qui in poi la strada la conosco, il sabato l’abbiamo fatta con la macchina, i primi km me li ricordo, avrò tratti che mi permetteranno di tirare il fiato. Prima del tappeto ci fermiamo mi siedo e via i gambali manicotti fa caldo e decido appunto di scalare il mostro i tenuta estiva, i manicotti però li tengo arrotolati sui polsi. Impressionante, saranno 29.7 km di salita. Il primo pezzo come dicevo ha dei tratti pedalabili, all’entrata di Moso, le prime rampe poi sempre cosi fino a circa metà dove per quasi 2-3 km ci ritroviamo in un tratto quasi pianeggiante. Qui troviamo il ristoro, ci fermiamo, Domenico è leggermente in crisi, non ha digerito una barretta, decide di proseguire al suo passo, noi lo recupereremo un po più avanti. Raggiunto io proseguo con il mio passo, ho paura che rallentando ( si intende non di molto di forse di 2 rmp) il mio ritmo venga spezzato. Ogni tanto metto il 25 mi alzo sui pedali, rilancio e rimetto il 28, ma verso la fine i rilanci li farò con il 28. Arriviamo cosi al muro finale, sembra di vedere la parte finale dello Stelvio, sopra si vedono i tornanti scolpiti nella montagna. Dopo circa 40 minuti ecco la porta del paradiso ( Nel senso che c’è una galleria con un portone), da li avrò un paio di km in falsopiano, poi la discesa, ce l’ho fatta, il Rombo è stato domato. Mi emoziono, stringo i denti, passo il tappeto e mi fermo. Ci rivestiamo ma senza i gambali e via verso Solden. Ecco i tempi, rileggendoli vedo che alla distanza sono migliorato: Bene!

Cronoscalata St.Leonardo-Passo Rombo 31.4km, dislivello 1759m

tempo di scalata 2:42.04,5

media oraria 11,624 km/h

posto assoluto 1851.

posto categoria 1081.

Discesona, i primi km ho fatto fatica, non riuscivo a controllare la bici dal freddo e non volevo perdere la ruota dei compari. Eccoci all’ultimo dente, 1.5 km che risulteranno essere interminabili, pensavo di prendere slancio, ma non serve, bisogna mettere il 34 e pedalare, e cosi passiamo la barriera. A valle un altro pezzo in falsopiano ma qui lo facciamo veramente con il 50 e cosi tutti e tre in un gruppo entriamo a Solden, lancio la progressione ai 500 mt, ho le gambe il garmin segna otre i 40 km/h, prendiamo cosi dei metri al gruppo, faccio l’ultima curva a dx, mi allargo sulla sinistra mi giro aspetto gli amici dobbiamo passare assieme il traguardo ECCOLO.

HO REALIZZATO IL MIO SOGNO!

sono le 17:41.55, dopo 10 h 44 minuti e 03 secondi sono ritornato a Solden.

Scarico con Martina

Questa sera, dopo il primo giorno di lavoro, sono tornato a casa leggermente in ritardo cosi ho convinto Martina, la mia bambina, a seguirmi in bici. Ho montato la MTB e ho fatto circa 14 km con lei. oltre 1 ora, siamo tornati dopo le 20. La velocità logico era bassa, ma ho fatto solo girare le gambe velocemente, mi sento le gambe a pezzi, domani mattina vedo se riesco a fare ancora un oretta, la sera sono impegnato e non posso uscire. Ho sempre la Colnago da onorare Domenica. Intanto ho deciso di non fare la Gimondi Bike.
Adesso preparo anche il post della Oetzy. Un unico e interminabile post sperando di tramettere quelle sensazioni che sono riuscito a sentire. Domenica sera non volevo sentire di tornare a Solden il prossimo anno, ma nella mia testa comincia già a farsi largo l'idea di migliorarmi. Vedremo.

lunedì 30 agosto 2010

TEMPI

Sono appena tornato, riporto i tempi in settimana posterò un mio recosconto. Oggi devo rilassarmi e dedicare un po di tempo alla famiglia, se lo merita.

orario di partenza 6:57.51,3


orario d'arrivo 17:41.55,2

tempo di corsa 10:44.03,9

media oraria 22,171 km/h

posto assoluto 2092.

posto categoria 1279.

sabato 28 agosto 2010

Partenza

Eccomi qui, mi sono appena alzato, colazione, lavaggio bici, preparazione borsa e poi si parte per l'Austria.
questa settimana ho lavorato bene Martedi 80 km con gli amici, 1000 mt di dislivello, la prima salita con le ripetute, la seconda a ritmo gara, poi 5+5 minuti davanti a tirare con il bpm sotto controllo. Mercoledi 1h.30 di scarico e anche giovedi dove sono arrivato alle 2 ore. Ho provato le ruote, ma penso che sia troppo poco giudicare in 40 km: vedremo. Ho scaricato i dati delle uscite del mare, anche qui, in riva ala mare con 75 km abbiamo fatto circa 700 mt di dislivello.
Dubbio: non sapevo se uscire ieri e fare il pregara, oppure uscire questa mattina prestissimo, o ancora fare un ora defaticante oggi pomeriggio al'arrivo a Solden: ho optato per quest'ultima. Domani mi aspettano 12 ore in bici.... una giornata intera! speriamo bene!

martedì 24 agosto 2010

Pigi Race cy38

Ecco le ruote.
 Domani penso di finire di montarle e cosi Mercoledi le proverò!

Resoconto Luglio 2010

Queste le parole di Giugno: "Chiudiamo Giugno, mi aspettavo pù km, più dislivello. Vediamo Luglio come butta, siamo quasi alla fine. Mancano circa 10 ore rispetto a maggio, 3000 mt di dislivello e 300 km circa.... parte persi con il medio della Sportful e del lungo che settimana scorsa ho saltato."

alla fine Luglio non è andato come sperato! Pinarello accorciata, la settimana precedente un problema intestinale e di cani.... non ci volevano proprio!


729.09 km

29h 32min 39 sec

10.073 mt di dislivello

Ripartiamo...

Sono rientrato dalle ferie e fortunatamente non sono aumentato di peso come pensavo, anzi dal controllo di questa sera dal dottore, sono rientrato con lo stesso peso, però perdendo un po di massa e prendendo ben 1.7% di grasso! avrò meno peso da portare in giro ma anche meno potenza.  Avendo sgarrato con Pane e cannoli, e avendo fatto meno allenamenti posso comunque ritenermi soddisfatto; inoltre c'è da dire che è dal 1 luglio che non faccio un lungo come si deve! Ora sotto, domani si fa un po di carico, Mercoledi e Giovedi scarico, Sabato un pregara e domenica ci aspetta la Otzy!
Dopo questo post aggiorno i dati a Luglio ( me ne ero dimenticato) e pubblico le foto delle ruote che sono arrivate e penso Mercoledi le proverò.
Dimenticavo, Sabaot in giro per le colline Molisane con Botarel e Bancomat, 76 km circa, volevo fare un lunghino.... ma il caldo ci ha scompassato e poi la bici....

giovedì 19 agosto 2010

Scarico e Cena

Martedi e Mercoledi o fatto scarico, sempre sulla 115, mercoledi sera ho incontrato Roby e la famiglia, abbiamo passato una serata speciale, averlo incontrato è stato per me molto importante, sempre prodigo di consigli. Famiglia super mi dispiace solo non essere riuscito a fare un oretta di scarico assieme. Adesso devo organizzare un week end con Marco, e non adesso magari nella prossima primavera.
Domani se riesco un oretta di scarico e Sabato forse riesco a fare un lungo di almeno 4 ore.
Sono al porto stò aspettando il traghetto che mi riporta a casa sigh! Ciao Sicilia bellissima terra con persosne fantastiche.

lunedì 16 agosto 2010

Licata (AG): Prima uscita di scarico

Oggi dopo 10 gg di relax ho ricominciato con la bici. Uscita di scarico sulla statale 115, circa 40 km. Sono partito alle 6.30 alle 8 ero al camper. Dato che c'ero ho approfittato per vedere il centro di Licata. Difficile viaggiare senza la mia R3, il muletto in alluminio della Carrera, che normalmente uso sui rulli, risulta essere alquanto pesante. Vorrei fare 4 gg conscutivi di scarico; se riesco anche giovedi mattina magari in compagnia di Roby.... L'ho sentito e se riusciamo ci incontriamo, cosi dopo Marco avrò il piacere di conoscere di persona un altro missile. Sabato dovrei fare il lungo, ma non sò se ci riuscirò, dipende anche da come impostiamo il ritorno, e un lungo di 4-5 ore è troppo per il menage famigliare,  vedrò con Juri se farlo, magari un infrasettimanale in previsione della Otzy.

martedì 3 agosto 2010

ARIA DI FERIE

Questo mese di Luglio i km dovevano essere molti di più, sulla carta, avendo Pinarello e Fausto Coppi, potevano essere oltre i 1500 invece, La settimana dopo la Coppi  scarico di 40 km poi un problema intestinale mi ha fermato nel WE ( passato al mare con la famiglia), settimana prima della Pinarello, sono nati dei problemi con i cani quindi niente bici, poi le due a seguire tra temporali e impegni famigliari, le uscite sono state veramente poche. Appena riesco scarico i dati del Garmin in modo da aggiornare il mese uscente.
Sabato in compenso uscita a due, io e Celli, allenamento non di circa 107 km ma con la salita di Vigolo fatta forte ma con rapporti agili, appena sopra i 25 minuti l'ascesa, poi sul lago menate a due anche a 40 e passa. Un paio di gruppi che abbiamo passato hanno tentato di prendere la ruota ma poi hanno desistito. Gli ultimi km a rilento in recupero. Domenica uscita con Forum e Tavor, il Tuttologo ci ha accompagnato fino a Sarnico, caffè e ritorno mentre lui ha continuato con i compiti: alla fine quasi 60 km.
Questa sera scarico circa 50 km in meno di 2 ore. Gambe dure e una non voglia.... vediamo domani, dovrei caricare poi giovedi scarico Sabato un medio fatto al medio e poi si parte per la Sicilia.
La prima settimana niente bici, la seconda uscite di recupero.(mi porto il muletto in alluminio che uso sui rulli)
Mi dispiace solo non poter aggiornare il blog con costanza, speriamo che queste ferie mi rigenerino le batterie.

lunedì 26 luglio 2010

RE STELVIO

Or 4.10 suona la sveglia. Ho dormito poco nemmeno prima di una GF sono cosi tirato, ma forse è il letto di Martina, per non svegliare le mie due donne mi rifugio nella sua cameretta mentre loro restano nel lettone.
Colazione e via alle 4.45 Rosario è qui a prendermi con il furgone carico di bici, mancano solo la mia e quella del Celli. Ore 5.00 siamo davanti alla sede e si parte. viaggio lungo poco più di 3 ore, arriviamo cosi a Lasa, parcheggiamo scarichiamo le..... 25 bici ci prepariamo e via che si parte. L'avvicinamento viene fatto in scioltezza e per la ciclabile, a Prato allo Stelvio ecco che si comincia. Per i primi 3 km l'ascesa è in gruppo, riesco a staccarli per poter fare un ripresa, poi come al solito altra ripetuta per riagganciarli. appena dopo la semi galleria e cioè appena prima del 48 tornante, il gruppo comincia a sgretolarsi, è già partito Botarel. seguito da Zorro, noi invece continuiamo tranquilli, ho preso spazio restando indietro, poi decido di raggiungere i primi e cosi affianco Ciste raccomandandogli di restare sempre 7-8 battiti sotto la soglia, lo passo ed eccomi nel gruppo di testa. Saliamo tutti assieme, anche il Pres ci ha raggiunto. Ad ogni tornante qualcuno si stacca, perde il passo, è fantastica questa salita, non molla mai siamo sempre tra il 7 e il 9% i tornanti se presi larghi danno tregua ma se per problemi di traffico si è obbligati a farli stretti... beh sono micidiali, alcune macchine devo fare manovra per evitare di toccare il fondo, sopratutto le sportive.Per curiosità guardo la Velocità Verticale Istantanea del mio Garmin, viaggio tra i 1000 e i 1150 mt/h, mi stupisco. Ci stiamo avvicinando agli ultimi 6 km, nel tratto del muro, e siamo li in 4, Io, Celli, Beppe Red e Parabris, Zorro ripreso qualche km sotto non ha tenuto il nostro ritmo.
Mi fermo a prendere l'acqua, loro continuano rallentando, ecco che li raggiungo poi Parabris rallenta e si stacca mentre io e  Beppe redcontinuiamo assieme, Celli è partito al 4° km. Conquistiamo lo STELVIO scambiandoci un 5 e tenendoci la mano. Entriamo subito nel bar assieme a Celli e Botarel: che Freddo! Sport Track alla fine mi darà circa 850 di VAM salita di 24 km  in 2h e 4 minuti. Calcolando che i primi km non abbiamo spinto, penso che la V.V.I del garmin possa essere abbastanza precisa.
Dopo circa 40 minuti ci siamo tutti raggruppati un Te Caldo e una fetta di strudel poi foto di gruppo davanti alla stele di Coppi e via in discesa.
Fa freddo molto freddo, chiudo la fila, raggiungo lo Zio di Gambone, non riesce a scendere è quasi congelato, mi fermo e gli consiglio di far girare le gambe con il 34 e di fermarsi a scaldare le mani. Ci fermiamo tre volte e pian piano scendiamo, arriviamo al bivio per Bormio, prendiamo a Dx per la Svizzera, per la parte in sterrato per capirci e qui si parte, lo zio ormai si è scaldato e cosi scendiamo un po più velocemente. Appena prima del pezzo in sterrato altro stop, Gambone è fermo un po preoccupato per suo zio. Passato lo sterrato eccoci nell'ultima discesa, siamo in Svizzera, in paese tutti fermi e via manicotti, gambiali e antivento, pronti via. In fila indiana cominciamo a scendere in questi falsi-piani, ma ecco il fattaccio. Dalla fila ecco Zorro che lancia un attacco, subito dietro Botarel ricuscisce il buco, tirando me Celli e Gambone e dietro gli altri, ma Celli rilnancia esco io a riprenderlo e subito dopo parte Gambone.... Ci siamo divertiti, abbiamo giocato fino al bicio per Prato allo Stelvio dove abbiamo rallentato per infilarci in una trattoria. Dopo pranzo tramite la ciclabile siamo tornati a Lasa. A Merano femrata tattiaca alla Forst per un paio di birre e alle 20.10 eravamo tutti a casa.
Fantastica Esperienza. Mi sono proprio divertito sia in salita che dopo. Ecco un motivo per impegnarsi con la forchetta ( nel senso di dieta) e la bici: fare queste uscite in gruppo e non solo le GF per l'amore della bici della sofferenza e del sacrificio ma divertendosi, ritornado a casa stanchi ma felici e sorridenti.
Ecco il link al Garmin

sabato 24 luglio 2010

Domani Re Stelvio

Questa settimana doveva essere di scarico totale. Lo è stata! Martedi circa 40 km Mercoledi e Giovedi invece niente uscite, sono arrivato dal lavoro e mi Sorella on poteva stare con Martina cosi mi sono rinchiuso in soggiorno al fresco a fare i compiti con mia figlia.
Questa mattina prima avevo deciso di saltare poi 15 km tra andta e ritorno per andare a vedere il Brixia Tour.
Ecco alcune foto scattate ai piedi della Forcella. Salita Corta ma molto Tosta che dovevano ripetere 5 volte prima di prendere per il Maniva.
Brixia ormai vinto da Pozzovivo.
Tra 5 ore sveglia. Si parte per Prato allo Stelvio e domani ci facciamo la mitica salita con gli amici della Freebike.
Spero di fare un bel reportage.

domenica 18 luglio 2010

PRESTIGIOSO!

Finalmente il Prestigio!
a settembre sembrava un'utopia, un tragurdo inarrivabile per uno come me che è da 18 mesi che va in bdc, ricordo ancora la prima uscita ai primi di gennaio 2009 con il Pres e Vito.
Veniamo a oggi. Sforturna? Fortuna? non so come definirla, ma dopo una notte insonne per via dell'afa, verso le 4 ecco un temporale. Sveglia alle 5 colazione e come da accordi verso la partenza alle 6.30: vogliamo partire presto. 2 Ore di attesa fortunatamente smette di piovere verso le 8,poi,  prima una modifica ed infine la decisione finale: tutti sul medio, il temporale ha causato problemi alla viabilità e anche la protezione civile non può aiutarci. Partiamo verso le 9. Usciamo da Treviso con molta attenzione per via di alberi, foglie e tanto sporco lungo le strade. Perdo come sempre le ruote dei miei due compagni, cerco di rientrare, ma ogni volta chi è davanti rallenta e cosi devo uscire a ricucire. Alla terza volta, mollo, mi metto in un gruppo e mi faccio anche io portare: li riprenderò. La media è alta molto alta, incrocio Yury Chechi fermo per una foratura e più avanti Anotonio Rssi fermo ad aspettarlo, ieri invece abbiamo scambiato 2 parole con un ragazzo in compagnia di un Autista: Jarno Trulli. Arriviamo in un punto dove da destra si vede un gruppone che comincia a salire: Abbiamo sbagliato strada. Prendiamo la prima salita ed essendoci tantissima gente si fa fatica a salire del proprio passo, addirittura devo mettere piede a terra per un ingorgo. Eccoci in vetta, a sx vedo i miei due amici fermi ad aspettarmi, sono fermi da almeno 10 minuti forse più ed erano preoccupati. Ho circa 9 km in più! prendiamo la discesa molto sporca e a ritmo blando scendiamo. Sotto cominciamo invece a menare. Arriviamo ancora ad  altre salitelle, fatte alcune con il rapporto, stò bene i miei due amici non riescono a tenere il mio passo ( cosi mi dicono) ma come da accordi saliamo insieme. Eccoci all'ultima discesa, una curva che sembrava aperta mi porta fuori traiettoria e fortuatamente prendo una via di fuga. Rientro nel gruppo e li via a menare.
Arrivo a Treviso con una media per me super oltre 34 km/h.
Sono Prestigioso.
Link al Garmin
GF La Pinarello

sabato 17 luglio 2010

Tempo Zero + Voglia Zero = Niente bici

E' da Sabato che non salgo in bici!
Settimana no! Tempo e Caldo l'han fatta da padroni! Tempo nel senso che non ne avevo caldo nel senso di CALDO!!!
Lunedi rientro verso mezzanotte dal WE al Mare. Fiona uno dei nostri Labrador deve partorire, conti alla mano il giorno dovrebbe essere Martedi o Mercoledi. Prima di andare a letto mi accorgo che i tempi sono vicini, in giornata dovrebbe partorire. mi alzo alle 6 ( 5 ore di sonno forse) scendo è affaticata, ansima ma di contrazioni ancora niente, ma siamo vicini.  Vado al lavoro dopo mezzogiorno chiama Rossana, la cagna stà spingendo ma fa fatica. Chiamo il Veterinario e cosi fissiamo un appuntamento per le 16. Ci va mio cognato e per telefono mi annuncia che si farà il cesareo.  Arrivo dal lavoro vado a prendere Fiona. Il veterinario l'ha salvata, il primo cucciolo era grosso si era incastrato e a forza di spingere aveva distrutto l'utero. fino a mezzanotte sono stato vicino a lei e ai cuccioli che dovevano essere ogni tanto riscaldati con la lampada. si sveglia gli metto i cuccioli vicino e verso l'una ecco che comincia a leccarli. Bene l'istinto materno funziona. Vado a letto e alle 6 sveglia ( 5 ore) Mercoledi stessa cosa arrivo prendo Mia ( un'altra femmina di Labrador) e  vado dal veterinario per prelevare il sangue per l'esame del progesterone. Niente bici logico arrivo dopo le 19.30 devo ancora accudire Fiona i cuccioli e gli altri cani. Giovedi arrivo alle 18.15 dal lavoro e partenza a razzo per Parma per accoppiare Mia: niente bici. Venerdi veterinario con Fiona perchè non mangia cosi eccoci a questa mattina. Voglia Zero, Caldo molto caldo devo preparare il camper, la bici, sveglia alle 6.30 un po di tempo a me con taglio capelli ceretta e barba, colazione con Martina. Adesso preparo i cani devo toranre dal veterinairo e se tutto va bene oggi partendo per la Pinarello li carico e li porto a Denis, l'allevatore a cui avevo dato Fiona e Mia in conproprietà.

E il caldo cosa c'entra??? c'entra c'entra settimana hot in tutta Italia.
Mi preoccupa il caldo per domani, al massimo la faccio a mo' di scampagnata, l'importante è arrivare e conseguire lo scudetto!

mercoledì 7 luglio 2010

Il Riposo del guerriero

Lunedi Riposo, avrei voluto fare anche solo una mezz'ora, ma domenica non ho festeggiato il compleanno della Mamma, quindi dopo il lavoro una veloce cena e siamo saliti in collina al fresco per mangiarci una fetta di crostata con i miei genitori che da Sabato sono in villeggiatura.
Martedi per problemi di orario di lavoro non sono riuscito e cosi arrivo a oggi giorno di carico. Sono uscito con il pres ma abbiamo preferito fare scarico circa 41 km in 1h e 40, alto unmero di pedalate cuore basso ( anche se la stanchezza si notava dai battiti bassi anche sui cavalcavia).
Domani carico, vediamo poi per Sabato se riesco a fare un lungo con gli amici altrimenti ho una mezza idea di fare l'impresa e farmi un girone da solo. Sabato sera poi partenza in Camper per un week end lungo, fino a lunedi al mare.

lunedì 5 luglio 2010

DATI GF FAUSTO COPPI

Ecco il link ai dati della Fausto Coppi.

GF FAUSTO COPPI 2010

GF FAUSTO COPPI 2010

Io non so parlar d'amore l'emozione non ha voce E mi manca un po' il respiro…. ( Canzone di Celentano)


Descrivere quello che ho provato e vissuto ieri è difficile, mille emozioni mi hanno travolto, spero che il mio racconto possa in qualche modo riuscire a farvi vivere anche solo una piccola parte di quello che io ma penso anche il Pres e Mauro abbiamo vissuto.

Arriviamo a Cuneo in camper un po’ tardi, le indicazioni non sono bellissime e cosi percorro la strada che conosco quella che facevo nel lontano 1987 quando ero a Fossano. Comincia l’avventura passando per ALBA. Prima di parcheggiare andiamo a ritirare le buste. Io per problemi di parcheggio aspetto i due sul mezzo. Arrivati, scendiamo nel posto adibito a camper e parcheggiamo. Ci diamo una rinfrescata veloce e saliamo a piedi in centro per cercare una “risteria pizzorante” per la cena. Entriamo in piazza Galimberti, e già lì il pensiero di partire e arrivare in una piazza cosi bella mette i brividi. Prendiamo la prima via a caso e troviamo due dolci signore che ci portano da un parente per la cena: Pizzeria da Gennaro. era proprio un parente e alla domanda dove possiamo andare a mangiare la prima risposta è stata “dietro sulla parallela ci sono tanti locali” ma poi “ah da Gennaro è qui vicino” si ma dalla parte opposta ma a 200 mt). Cena simil ciclista, abbiamo ordinato pasta in bianco e pizza con acqua e un bicchiere di Vino rosso. Passeggiata in piazza dove davano pizza a 5 euro ai ciclisti (previa coda di minuti in piedi ad aspettare) Torniamo al camper e prepariamo i vestiti e i numeri sulla maglia, subito dopo tutti a nanna.

Sveglia alle 5.30, colazione come si deve e preparazione. Siamo in griglia 15 minuti della partenza, ma siamo nell’ultima griglia, ma proprio ultima e dietro di noi il vuoto. No problem. Noi dobbiamo solo finirla per il prestigio.

Si parte e uscendo da Cuneo ci sono i primi grovigli, addirittura una caduta alla velocità di 20 km/h: diciamo una partenza soft. Appena fuori cuneo si comincia a mulinare e qui risaliamo alcune posizioni. Prime impressioni: meglio partire più avanti possibile, qui le persone non tengono la scia quindi tu sei all’aria, anche se ti trovi a metà gruppo, quello davanti ha paura a stare dietro e cosi si mettono di fianco, ma non ti danno spazio per farti sotto. ad uno l’ho anche detto ma come se non sentisse) Dopo 16 km arriviamo al bivio, curva a gomito verso l’ignoto! Ci ritroviamo davanti e cosi cominciamo a tirare. Dopo circa 2 km si comincia a salire. Questa è una salita corta ma tosta. Ecco sotto la descrizione presa dal sito della Fausto Coppi.

Questa salita dimostra che la matematica è un’opinione, altrimenti non si spiegherebbe la fatica che sarà necessario spendere per domarla. Il trucco è che ha due porzioni nettamente distinte.Dal suo abbrivio a Valgrana al cambio di pendenza è pura accademia (2%), ma dall’abitato di S. Giorgio in poi, ci sono 2,7 km implacabili al 9,6% medio con molti passaggi oltre il 10%, ed un finale in continua progressione fin poco oltre il 14%. Strada ampia, tornanti in serie, asfalto ottimo e gambe fresche possono tradire chi si sente in grado di “tirare” 2 denti in meno, il mio consiglio è diametralmente opposto: agganciate la corona più agile che avete, ne caverete massimo profitto più tardi, la Coppi è lunga 200 km. e le gambe sono gli unici pistoni che avete!

Eccoci in vetta, la salita è fatta sotto controllo, saliamo agili senza strafare, recuperiamo anche qui posizioni n cima ci buttiamo in discesa e cosi ci troviamo in un gruppo ben nutrito. La velocità non è altissima, il primo tira, il secondo invece molla e cosi avviso il Pres che vado avanti ,mi metto a tirare il gruppo e qui seconda emozione, passiamo per ROSSANA ci stiamo avvicinando al colletto di Rossana, sono davanti a tirare con il paese che la mia biondina si è comperato. Mi sposto siamo vicini ad un altro gruppo tocca al Pres che tira portandoci sotto. Affrontiamo il colletto piccolo ma sempre rivolto verso l’alto ecco la descrizione sempre dal sito.

Il diminutivo colletta non è casuale, è in effetti quasi solo una formalità, per quanto qualcuno perderà ruota lo stesso e comincerà a capire che, forse, il consiglio precedente sarebbe stato meglio attuarlo oltre che leggerlo. Quindi, anche qui è bene non strafare, dato che le pendenze “morbide” spesso inducono a ciò. Stare nel mucchio e ben coperti è una saggia tattica che aiuterà i meno forti di gambe ma più nel cervello. Una curiosità: scesi da Montemale in Dronero si arriva su una rotonda,ebbene, questa è a q. 617, la stessa quota Colletta, tutti i metri che da lì discenderete saranno ricolmati scalando questo basso valico verso la Val Varaita.

Saliamo anche qui bene sempre tutto sotto controllo, in discesa becchiamo un treno impressionante tiravano anche a 55 km/h i compagni di viaggio ora sono un po’ più veloci e stare dietro in fila è una goduria. Dopo qualche chilometro, la strada comincia in falso piano, la velocità cala ma restiamo sempre oltre ai 30. Eccoci a Sampeyre, e dopo alcuni km inizia l’ascesa ai 2284 mt del colle. Riporto la descrizione che rispecchia in pieno la salita, anche se su cicloturismo sembrava invece una passeggiata.


È il primo dei due “salitoni”, ben conosciuto dai “Coppisti” se vista dall’alto verso il basso, molto meno all’incontrario. La caratteristica buona di questo versante è l’atipica regolarità per una salita alpina, quella negativa è la media espressa: 8%, Più duro subito, nel sottobosco, dove le pendenze non lesinano il 10% e oltre, fino al 13%, poi è un lento calvario giocato tra il 7,6% e il 9,2%, rarissimi i tratti sotto il 7%, pochi oltre il 10%. Il tutto rapportato a più di 16 km trasformano questa salita in un pugile che ti stronca col lavoro ai fianchi. Qui se la caveranno bene gli scalatori di “passo”, quelli che non tenteranno di strappare quella mezza pedalata in più dalle loro gambe, magari risparmiata per il Vallone di Marmora, ed in cima si tireranno le prime somme sulle proprie capacità e possibilità.

Ai piedi della salita il primo Ristoro, scarno, molto scarno. Prendiamo la strada che sale tra il bosco e il Pres è in crisi, io sono lì con lui, poco sopra il Tuttologo ci aspetta, e cosi saliamo tutti assieme. E’ veramente dura e il caldo fa anche la sua parte. A metà salita una fontanella, ci fermiamo riempiamo le borracce ci bagniamo e ripartiamo. Passa la crisi al Pres, e viene a me ma si sale, riusciamo a chiacchierare, siamo concentrati e saliamo piano piano:eccoci in vetta, anche qui ristoro scarno , acqua, toilette, e giù in picchiata. Paesaggi fantastici, ma non abbiamo tempo per guardare concentrati sulla strada stretta e via: come il solito in discesa non c’è né per nessuno. Arriviamo assieme io e il Tuttologo mentre il Pres come sempre ci precede ci attende nel falsopiano in basso. In discesa perdo la borraccia e per fortuna non intralcio Domenico che mi è dietro. Siamo in un gruppo arriviamo al bivio, giriamo a Sx si comincia il terribile Fauniera o Colle dei MORTI. Ecco la descrizione di questo mostro che è più duro di quello descritto. In alcuni tratti ci sono dei muri di 10-20 mt da fare sui pedali che ti stroncano il ritmo, i battiti schizzano in soglia e dopo ci si risiede e si fatica in salita ancora.

Questo versante di scalata al Cle. Dei Morti/Fauniera è la più rilevante novità tecnica della Coppi 2006. Tanto per cominciare come tipologia d’ascesa è diametralmente opposta alla precedente, presenta una lunghezza notevole, una irregolarità continua, lunghi tratti senza tornanti (all’inizio e a tre quarti), ed improvvise porzioni del tutto attorcigliate su se stesse (a metà), cambi continui ambientali, dal vallone chiuso e roccioso dell’inizio, ai pascoli subito dopo, alle abetaie tra i tornanti e all’asprezza dell’alpe nel finale, non mancano scoiattoli e marmotte. Tutto ciò la rende tra le salite più belle ed amate del cuneese. Chi ne avrà ancora, qui potrà dar fondo alle proprie forze, dato che l’ascesa si alterna tra tutta la gamma di pendenze possibili, spiani compresi e anche perché espone a Nord, evitando così che nelle ore più calde non si abbia a patire di troppa calura. Pur essendo sempre una salita alpina a tutti gli effetti, nell’insieme non è particolarmente aspra, però giunge dopo molti metri di dislivello già pedalati che, in cima, non saranno ancora del tutto colmati.

Questa salita, per me, diventa un calvario. Non ci sono con la testa, le gambe mi fanno male, i battiti sono bassi ma per stanchezza, forse riuscirei anche da spingere di più, ma già al secondo km comincio a pensare “dai che ne mancano solo 22” I miei compagni mi assistono , delle volte mi staccano e si prendono qualche metro cosi posso maledirmi senza farsi sentire. I paesaggi cambiamo, è veramente uno spettacolo, siamo in vetta, al colle Esichie, lungo la salita ci sono cartelli che segnalano i km che mancano e la pendenza, ma dentro di me so che dopo mancheranno ancora 2-3 km. Infatti in cima la strada si divide a sx, si scende, a dx invece si sale verso il Colle dei Morti. Qui siamo a 2480 mt, c’è la neve, il Pres ha rallentato e assieme arriviamo alla cima Coppi di questa gara. Un centinaio di metri prima un gruppo di persone ci incitano ci danno un 5 qui mi prende l’emozione, sento di aver compiuto un’impresa, due anni fa ero 97 kg e in bici andavo per prendere il pane il sabato mattina. Altro Ristoro e come sempre scarno. Ci vestiamo il Pres mi fa le raccomandazioni, “ attento in discesa sei stanco ti spettiamo giù” . Saluto e via in picchiata, e anche in questa nessuno mi passa. Siamo in Valle, ho raggiunto i miei due compagni che hanno rallentato, la calura adesso si sente, è come andare incontro ad un phon acceso. C’è un tratto in falso piano e alcuni strappetti, sono quasi frustato, uno lo prendo con il rapportone. Devo tirare il fiato e recuperare. Ci avviciniamo all’ultima salita, c’è qualcosa che non va, sento rumori strani sulla bici, sembra la forcella, il Tuttologo mi affianca e mi fa spostare la borraccia dietro, sembra passato, eccoci Madonna del Colletto, salita “bastarda” (scusate il termine ma ci stava) la descrizione è perfetta.

E’ la salita più insidiosa di tutte, dato che all’abbrivio le energie residue comanderanno le vostre sensazioni personali. Ultima scalata della Coppi e certamente più dura e difficile della prima: Montemale. Molto irregolare grazie alla “premiata ditta”: Strappi & Spiani, proprio quando invece non si vede l’ora di poter salire con un passo decente o per quel che resta, al contrario ti costringe sempre a cambi di ritmo proprio quando ne faresti volentieri a meno. La sua fase più ostica è quella centrale che regala il 13% poco prima dell’unica borgata sulla via (con fontana a sx), ottima scusa per rifiatare. E’ questa salita che da il vero metro delle vostre forze e delle personali capacità di gestione dello sforzo fin lì profuso, se ne avrete ancora sarete stati grandi ed è il momento di gettare il cuore oltre l’ostacolo fin da subito, se invece sarete cotti come pere (quasi tutti), in cima al Colletto la Madonna la vedrete per davvero, ma ormai Piazza Galimberti vi attende.

Con le forze al lumicino saliamo, loro sempre di davanti a 50 mt, arriviamo a metà devo prendere l’acqua e scendendo dalla bici trovo il guaio: la sella si è svitata, va su e giù. Chiedo a tutti nessuno ha una brugola, chiedo al ciclista non in corsa del posto che è lì a dare consigli tipo “ dai che è finita dopo spiana” sì, dopo la vetta però. Ci voleva anche questa, spero di arrivare al traguardo, poi ecco che un altro signore dal piccolo borgo, chiedo a lui e lo seguo,mi ha regalato la chiave a brugola: Grazie mio eroe! Riprendiamo la tragica salita, ormai siamo alla fine, calcolo i km ancora tre, ancora due ma sono in vetta, per aiutarmi mentalmente aggiungo sempre qualcosa in più! Mentre prendo dell’acqua all’ultimo ristoro, molto scarno, ci dicono che la discesa è pericolosa, di stare attenti un paio sono caduti ed uno è stato addirittura intubato. Come il solito loro vanno ed io scendo al mio passo, Ho paura di cadere, non mi sento tranquillo e scendo cosi a piano che due ciclisti mi sorpassano. Arrivo in fondo, siamo in 6-7 cominciamo a tirare. Andiamo a 40 km/h, tocca al secondo e la velocità scende, cosi passo avanti. Stringo i denti e tiro, la velocità è oltre 45, siamo in leggera discesa, da sotto l’ascella scopro che sono rimasto da solo, davanti a me ne vedo due sono a 200 mt giù un dente, mi bruciano le gambe ma spingo li raggiungo proprio mentre si danno il cambio, riesco ad agganciarmi ma restiamo in due ecco il gruppo “ riconosco la maglia del Pres e del Tuttologo” dai che ci sono! Mi metto dietro e comincio a respirare, siamo a 25 km dall’arrivo, un folto gruppo con dentro una decina di uomini di un team tedesco o comunque di Bolzano. Quelli davanti tirano dritto,non vedono le frecce della deviazione, fischiamo rallentiamo e cosi ci raggiungono. Adesso abbiamo davanti un’auto della direzione , ci scorterà al traguardo, ma non è finita. Davanti il treno di lingua tedesca sta andando ad oltre 40 km, ad un certo punto va davanti uno di loro che sembra proprio Jan Ullrich e comincia a menare a quasi 50. Dietro ne ha due poi Domenico e Pres, io sono un po’ più indietro. Due suoi amici fanno un buco, gli fischiano, io esco e altra menata per chiudere, riesco a prendere il gruppo, siamo in sei, adesso c’è davanti Domenico che tira a 45, mancano due kilometri, esce uno e lancia la volata, Domenica gli prende la ruota e noi dietro, curva a sx dopo 100 mt entriamo in piazza Galimberti, mi alzo sui pedali qualche metro prima dell’arrivo, è Finita!

Siamo arrivati 3 ore dopo il primo, siamo arrivati con una media appena sopra i 20 km/h ma vi posso garantire che queste emozioni mi accompagneranno per molto tempo e chissà , magari mi aiuteranno ad affrontare la prossima gara, La Pinarello.